Attenzione!

Per ascoltare i brani devi aggiornare il tuo Flash Player!

Musicasignificata ® presenta L'Elogio della Fuga

Fuga (esposizione, due divertimenti e riesposizioni, stretti) su testi di
Musicasignificata e H. Laborit, G. Devoto, G. C. Oli


Eseguono: Letizia Silenzi, Simona Scarone, Alessandra Quatrana
Registrato e Mixato da Pino Pecorelli


Presentazione dell′Elogio della Fuga (1999)

E' la composizione più vecchia.
E' una fuga in cui le tre voci parlano della fuga nelle sue varie accezioni: la forma musicale, il lesto abbandono di un luogo.

La prima voce presenta il soggetto:

"fuga, forma musicale di natura imitativa"

poi dopo una breve coda, la seconda voce presenta la risposta ai significanti vicini:

"figa, forma modellata con fessura mimetizzata"

seguendo lo stesso schema ritmico del soggetto.

La terza voce (sempre seguendo lo schema ritmico delle due precedenti) presenta il soggetto con i medesimi significanti, ma con diverso significato:

"fuga, lesto abbandono di luogo per vari motivi"

Terminata l'esposizione cominciano due divertimenti e riesposizioni (dal latino devertere: allontanarsi), in cui si parla sempre di fuga.
Infatti nel primo si parla di Sandro Fuga e, dopo le riesposizioni, nel secondo divertimento si parla del punto di fuga.

Gli stretti ripresentano ravvicinato il materiale dell' esposizione.


Ascolta L′Elogio della Fuga

Play Stop